Ultimi sette intensi giorni in Messico, riassunto ed interviste

Settimana intensa in Messico.

Prima la triste notizia della morte del 98enne Don Félix Serdán Nájera, dal 1942 membro delle resistenze campesine assieme a Ruben Jaramillo ded esponente delle lotte sociali fino all’ultimo suo respiro. Nel 1994 l’EZLN lo nomina maggiore onorario. Don Felix descrisse lo zapatismo già nel 1994 come la continuazione delle battaglie iniziate dai Generali Zapata e Jaramillo.

IMG_7442 Continue reading Ultimi sette intensi giorni in Messico, riassunto ed interviste

2 comunicazioni importanti: Subcomandante Insurgente Moises

Ultimo comunicato del Subcomandante Insurgente Moises. Testo originale e a seguire la traduzione in Italiano.IMG_1109[1]19 de Diciembre del 2013.

Compañeras y compañeros:

Les escribe el Subcomandante Insurgente Moisés para darles de conocer dos avisos: Continue reading 2 comunicazioni importanti: Subcomandante Insurgente Moises

Piante chiare come il cuore dell’abocado, alberi scuri come la sua buccia

La nostra meta si trova a quota 2800 slm, eppure solo quando siamo a un passo da San Andrés il paesaggio intorno si fa “montano”. Lo sguardo europeo si fonda su regole da sussidiario: condomini e industrie in città, paesi e agricoltura in campagna, borghi e latifoglie in collina, baite e conifere in montagna. Al di sopra della linea dei 1800 la vegetazione alpina si fa naniforme. La latitudine equatoriale sovverte ogni nostra facile convenzione: qui crescono alberi dove da noi resistono solo i licheni e resistono uomini dove da noi crescono solo impianti di risalita.

La strada per Oventic sale tortuosa in questo territorio cangiante: lembi di prato muschiato e lingue di mais interrompono la linea fitta di piante chiare come il cuore dell’abocado e alberi scuri come la sua buccia. Il Caracol numero due fa di nome Oventic e ha per sottotitolo Corazon centrico de los zapatistas delante del mundo. 20131219_105125

Il cancello d’ingresso, pittato di rosso e nero, appare sul ciglio della strada annunciato da un paio di cartelli in stile “benvenuti in territorio zapatista e non dimenticate che qui il popolo governa in autonomia”. Continue reading Piante chiare come il cuore dell’abocado, alberi scuri come la sua buccia