La Commissione Sexta dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale convoca al CONVERSATORIO (o semenzaio): “Sguardi, Ascolti e Parole: Proibito Pensare?”

ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE.

Commissione Sexta dell’EZLN.

Messico.

Marzo 2018

Alle persone, gruppi, collettivi ed organizzazioni che, in tutto il mondo, hanno compreso e fatto propria l’iniziativa del Consiglio Indigeno di Governo e della sua portavoce:

Alla Sexta nazionale e internazionale:

A chi ha firmato per la portavoce del Consiglio Indigeno di Governo:

CONSIDERANDO CHE:

Primo ed unico:

La Famiglia Felice.

Un villaggio, o città, o come si chiami. Un luogo del mondo. Un muro. Incollato alla rugosa superficie del grande muro, un poster, cartellone, o una cosa così. Nell’immagine, un uomo e una donna sorridono ad una tavola traboccante di cibo. Accanto alla coppia, una bambina sorride; di lato, un bambino mostra la sua brillante dentatura. Su di essi, a lettere grandi e intimidatorie, si legge “LA FAMIGLIA FELICE”. Il cartellone è ormai vecchio, con la patina del tempo a spegnere i colori che, supponiamo, una volta fossero brillanti e, si potrebbe dire, felici. Mani anonime hanno aggiunto su dei foglietti di carta: “La famiglia felice è felice solo con la benedizione del divino”; “No alla famiglia omosessuale, a morte i froci e le lesbiche!”; “È la maternità a rendere felice la donna”; “Si stappano tubi. Preventivi senza impegno”; “Si affitta casa felice per famiglia felice. Astenersi famiglie infelici”.

Di fronte, sul marciapiede ai piedi del muro, la gente va e viene senza prestare attenzione all’immagine sbiadita. Ogni tanto, qualcuno sembra schiacciato da un pezzo caduto dal muro decrepito. Vero, questi crolli parziali si verificano con sempre più frequenza. Pezzi di muro si staccano e schiacciano a volte una sola persona o un piccolo gruppo, a volte comunità intere. La commozione tra la moltitudine dura solo pochi istanti, poi riprende la sua strada sotto lo sguardo pallido della famiglia felice.

Continue reading La Commissione Sexta dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale convoca al CONVERSATORIO (o semenzaio): “Sguardi, Ascolti e Parole: Proibito Pensare?”

PAROLE A NOME DELLE DONNE ZAPATISTE ALL’INIZIO DEL PRIMO INCONTRO INTERNAZIONALE, POLITICO, ARTISTICO, SPORTIVO E CULTURALE DELLE DONNE CHE LOTTANO.

8 marzo 2018. Caracol della zona Tzots Choj.

BUONGIORNO SORELLE DEL MESSICO E DEL MONDO:

BUONGIORNO COMPAGNE DELLA SEXTA NAZIONALE E INTERNAZIONALE:

BUONGIORNO COMPAGNE DEL CONGRESSO NAZIONALE INDIGENO E DEL CONSIGLIO INDIGENO DI GOVERNO:

BUONGIORNO COMPAGNE COMANDANTI, BASI DI APPOGGIO, AUTORITÀ AUTONOME, RESPONSABILI DI AREA, MILIZIANE E INSURGENTAS:

PRIMA DI TUTTO, VOGLIAMO INVIARE UN GRANDE ABBRACCIO ALLA FAMIGLIA DELLA COMPAGNA DELLA BASSA CALIFORNIA SUD, ELISA VEGA CASTRO, DELLE RETI DI SUPPORTO AL CONSIGLIO INDIGENO DI GOVERNO, CHE È MORTA MENTRE ACCOMPAGNAVA LA DELEGAZIONE DEL CIG IL 14 FEBBRAIO SCORSO. Continue reading PAROLE A NOME DELLE DONNE ZAPATISTE ALL’INIZIO DEL PRIMO INCONTRO INTERNAZIONALE, POLITICO, ARTISTICO, SPORTIVO E CULTURALE DELLE DONNE CHE LOTTANO.

PROIBITO VOTARE PER UN’INDIGENA

María de Jesús Patricio non ha ottenuto la registrazione come candidata indipendente alle elezioni per la presidenza del Messico. Tuttavia, la causa a favore delle minoranze e contro la discriminazione continuerà con l’obiettivo di cambiare il paese.
Articolo di Juan Villoro, tratto e tradotto dal New York Times https://www.nytimes.com/es/2018/02/24/opinion-villoro-marichuy/
 
CITTÀ DEL MESSICO – Il 14 febbraio un furgone attraversava il deserto di Vizcaíno a Sud della Bassa California. Erano le 15.30 del pomeriggio, dopo pranzo, faceva un caldo terribile sull’Autostrada Federale 1 che non ha curve e intorpidisce pericolosamente. Tutto pareva cospirare a favore del rischio, ma la carovana non poteva fermarsi.

Continue reading PROIBITO VOTARE PER UN’INDIGENA

LE PAROLE DELL’EZLN PER RICORDARE DON SAMUEL RUIZ

7 anni fa moriva Don Samuel Ruiz, detto anche JTatik. Uomo di chiesa, ad un certo punto teologo della liberazione. Piaccia o non piaccia quel che è emerso pubblicamente nel 1994 è stato possibile anche per il vescovato di Ruiz e la sua formazione di catechisti….Le parole dell’EZLN sono le migliori per parlare di Don Samuel

Al Popolo del Messico:

Il Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno-Comando Generale dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale esprime il suo cordoglio per la morte del Vescovo Emerito Don Samuel Ruiz García.

Nell’EZLN militano persone di diversi credi religiosi e non credenti, ma la statura umana di questo uomo (e di chi, come lui, cammina dalla parte degli oppressi, degli sfruttati, dei disprezzati) ci induce ad esprimere la nostra parola.

Anche se non sono state poche né superficiali le differenze, i disaccordi e le distanze, oggi vogliamo rimarcare l’impegno ed il percorso che non sono solo di un individuo, bensì di tutta una corrente all’interno della Chiesa Cattolica.

Continue reading LE PAROLE DELL’EZLN PER RICORDARE DON SAMUEL RUIZ

TRUMP, IL RASOIO DI OCCAM, IL GATTO DI SCHRÖDINGER E IL GATTO-CANE.

TRUMP, IL RASOIO DI OCCAM, IL GATTO DI SCHRÖDINGER

E IL GATTO-CANE.

28 dicembre 2017.

Di nuovo buongiorno, buon pomeriggio, buona sera,

Forse qualcuna, qualcuno, qualcunoa, ricorda che il defunto SupMarcos insisteva sul fatto che il sistema capitalista non poteva essere capito senza il concetto di guerra. Ovviamente, ammettendo che si tratti di un concetto. Diceva che la guerra era il motore che aveva permesso, prima, l’espansione del capitalismo, poi la sua consolidazione come sistema mondiale, oltre ad essere lo strumento per affrontare concorrenti e profonde crisi.

Eh, lo so, cos’altro ci si può aspettare da un soldato? Devo però segnalare, per rassicurarvi, che il SupMarcos non considerava come guerra solo quella militare. Magari una rilettura della sua corrispondenza con Don Luis Villoro Toranzo del 2010, resa pubblica a inizio 2011, potrebbe aiutarci a capirlo. Nel primo di questi scambi pubblici, viene sgretolata l’inefficacia apparente della cosiddetta “guerra al narcotraffico” inaugurata dall’affezionato ai videogiochi bellici, Felipe Calderón Hinojosa. E parlo di “inefficacia apparente” perché, in effetti, visti i risultati, è stata ed è tuttora inefficace per combattere il crimine organizzato, ma è stata efficace per mettere i militari a governare di fatto in varie regioni di questo paese chiamato “Messico”. Continue reading TRUMP, IL RASOIO DI OCCAM, IL GATTO DI SCHRÖDINGER E IL GATTO-CANE.